...CONTENTI?

giovedì 21 giugno 2012

UN MARE MAGNUM DI PROFUMI... INUTILI?


Il business dei prodotti profumati (detergenti, cosmetici e profumi) è immenso e voluttuario. Non è una necessità primaria, tuttavia ha raggiunto una diffusività universale, i consumi calano di poco nonostante la crisi e le spiegazioni sono semplici come gli spot pubblicitari.
Si ritiene che il profumo sia una fonte di piacere, una via facile al successo, si ritiene inoltre che svolga funzioni sociali importanti come migliorare la propria immagine o il proprio appeal sessuale.
Purtroppo è tutto un colossale inganno.
Letti studi scientifici fino alla nausea ci siamo resi conto dei seguenti fatti:
_il profumo più piacevole per chi lo sceglie  è frequentemente percepito come un disturbo nell'ambiente di lavoro, o di relazione. Dove odori neutrali sono invece più graditi e funzionali a qualsivoglia attività.
_quasi mai un profumo sortisce effetti attrattivi sull'altro sesso, anzi è molto frequente trovare partner che suggeriscano di non indossare profumi.
_la detersione è un fatto altamente importante, e anche in questa pratica fondamentale i migliori detergenti non sono mai quelli più profumati o "imbrattanti" (bagnoschiuma o shower-gel con basi grasse "nutrienti" o "idratanti" profumate).
_le persone che si utilizzano edt/edp in modo sporadico e casuale, cioè senza una cultura delle fragranze sono la maggioranza e non è raro percepiscano come molto gradevoli comuni deodoranti per la casa da 1 euro e sgradevoli profumi molto costosi o costosissimi.
_il marketing olfattivo è una pataccata.
_chi è dedito a comprare profumi in modo reiterato e collezionistico o compulsivo risulta essere affetto da un numero di distubri della personalità più alto rispetto alle persone superficialmente interessate ai profumi.
Il "profumista" (termine cacofonico che indica l'appassionato di profumi) appare essere ossessionato nella maggior parte dei casi e quasi sempre vittima di raggiri che partono dalla progettazione delle fragranze, proseguono con le strategie di lancio/marketing/vendita e si concludono con il trionfo dei venditori di profumi, spesso grandi marchi.
Ricordiamo che la maggior parte degli incassi dei marchi di moda provengono dalla vendita degli accessori e quindi dei profumi e non da quella dei capi di abbigliamento.

Nessun commento:

Posta un commento

Nous sommes ici pour révérer l'affection que nous recevons, avec dévouement et engagement. Nous voulons accompagner les amis sur le chemin de la beauté avec les compétences et la loyauté qui nous différencient, dans un monde de menteurs et incompétents. Tempo da perdere con approfittatori e perditempo ne abbiamo sempre meno: francamente, non ne abbiamo più.

Possono commentare liberamente solo gli amici e sostenitori. I quali hanno accesso all'under-Blog ed ai contenuti più esclusivi, ricevono sempre risposta e hanno precedenza su tutti gli altri.

I messaggi contenenti link pubblicitari, o comunque non autorizzati, vengono eliminati da sistemi automatici.

J!cky 2.0