...CONTENTI?

venerdì 28 giugno 2013

L'incubo del profumiere?

E' il gascromatografo.

Stiamo esaminando l'esito di diversi esami gascromatografici, e si scoprono cose divertentissime, che dimostrano:

A) che le nostre analisi qualitative erano praticamente tutte molto attendibili, specialmente nel criticare linee esclusive, di nicchia o sedicenti artistiche.
B) che gli esperti di profumi, i blogger vari (più o meno bimbi-nicchia) i giornalisti di settore, che abbiamo tanto criticato negli ultimi anni qui o in altre piattaforme, sono davvero una manica di ******.

Il profumo con ambra grigia esclusivo che però l'ambra grigia non l'ha mai vista.
Quello col muschio di tonkino che perà è chimico, non è di cervo e tonchino lo può scrivere anche senza la K tanto è di fantasia...
I profumi "tutto naturale" che all'esame del GC vengono invece definiti chimici fino al 95% e naturali solo per olio di agrumi poveri (i naturali meno cari).
Quello con Rosa Bulgara che però contiene solo lo 0.001% di forse Rosa (e più marocchina che Bulgara) e per il resto sono blend chimici.
Un mare di dati dimostrano che la profumeria sta lavorando sempre peggio, usando vie comode di assemblaggio dei profumi, vie economiche, e ancora più economiche quando condivise tra vari marchi.
Duchaufour che per noi è un perfetto ********, fa nella stessa settimana un profumo estivo per Dior e uno per l'Artisan. Non è che nel primo ci sputi dentro e nel secondo ci metta l'ambrosia. Fa due cazzate, tanto poi il marchio e i bimbi-nicchia mettono la cornice giusta al profumo sbagliato.


Ormai se Lutens mettesse l'Aqua Velva nel prossimo suo profumo, quelli andrebbero avanti riciclando le lodi, sono un mare di c******, tutti pronti a scrivere libri, che non saprebbero leggere uno senza l'ausilio del dito indice per seguire le righe... E della verbalizzazione dei vocaboli, gente che scuola elementare o laurea fa lo stesso (il moderno cretinismo accompagna dall'asilo alla tomba).
Beh, si scopre che se a Grasse non ci sono più campi di fiori ma solo cementifici, scuole e alberghi.
Se in Egitto e Marocco non trovi un gelsomino nemmeno di plastica made in china a pagarlo oro.
Qualcosa vorrà dire...
Ma come? E gli olii essenziali naturali che ho comprato proprio in Egitto?
Ma tu sei sicura/o che sia olio di gelsomino?
Ricordati che all'egiziano l'hai pagato due sputi...


Ma al naso hai la mouillette o l'anello?
La seconda, ti si addice di più.

Nessun commento:

Posta un commento

Nous sommes ici pour révérer l'affection que nous recevons, avec dévouement et engagement. Nous voulons accompagner les amis sur le chemin de la beauté avec les compétences et la loyauté qui nous différencient, dans un monde de menteurs et incompétents. Tempo da perdere con approfittatori e perditempo ne abbiamo sempre meno: francamente, non ne abbiamo più.

Possono commentare liberamente solo gli amici e sostenitori. I quali hanno accesso all'under-Blog ed ai contenuti più esclusivi, ricevono sempre risposta e hanno precedenza su tutti gli altri.

I messaggi contenenti link pubblicitari, o comunque non autorizzati, vengono eliminati da sistemi automatici.

J!cky 2.0