...CONTENTI?

sabato 18 maggio 2019

Giorgio Armani Emporio Armani Stronzer With You Intensely for INCEL.

2019, Crapa di Emme.

Stronzer With You, è davvero davvero davvero, quella roba che usciva a noi 10 anni fa quando slambrottavamo come bimbiminchia gettando nel becher di tutto alla ca*** di cane. MA POI LA BUTTAVAMO VIA! Invece questi no, la imbottigliano!
Il profumiere è Mane. E non capisce una minchia. E' Cecile Mattòn.
Mattòn? Ca77o è, veneta? Poteva rimanere qua, la mettevamo alla Luxottica a tirare le stanghette degli occhiali. Niente, vogliono fare cose per cui non sono portate, invece di portare portate, che è tutto un mangiare rancio da microonde in piatti di plastica, e avanti con le disgrazie. Ha vinto anche un premio del boh, 2018. Complimenti, per una che non ha un solo titolo di vantaggio, nella mole di insulsi profumi firmati tra il suo anno zero e quello che ha da venire, beh, vaffan****, ma di testa.

La prima cosa che notiamo è la cumarina, ESAGERATA. Ci vorrebbe una GC, potrebbe non essere a norma, anzi a noi sembra non a norma, IFRA. Poi, Mane faccia come caz** gli pare. Vanilline secchiate. Megamestolata di ambra tipo la caccio nell'oblò tanto… mi costa 3 euro all'Esselunga. Spezie natalizie, zero dolciumi. Calci nei denti. Qualcosa di ectoplastico vagamente cuoiato, forse la cinghia che il padre della Mattòn non ha usato quand'era ora. Tristezza infinita. Profumo, oddio. Profumo è un parolone che… Diciamo cosa_cosante? Strafanto cron_illogico? Apomegastimmata della baggianante andante?

Come fanno a vendere questa roba? Stron*er With You. Prendi un coso, un fermaporte umanoide, un Saviano... un testa perfetta di ***** ma soprattutto un INCEL! Ti piacerebbe la ragazza eh!? Forte con te! Spot di baci e abbracci. Eh, ti piacerebbe… […] Compra questa *****! E quello la compra. Se lo mette, cioè senza equivoci… diciamo… lo indossa si dice, no? In confidenza delusional? Era meglio se se lo metteva! Cmq, la gente sente (sentirà?) il tanforte (un tanfo banalissimo ma intenso), e che… cosa deve dire? Educazione: si dice, oh, hai un profumo nuovo, che buono… Anche se si pensa il contrario.
Ma la gente ci arriva? Come quando uno gira col cane, ma chi si sogna di dire va' che can di mer** che ti te porti a spasso, el xe quasi pì brutto de tì?! No, dicono, fuffi… come sei bello… 10 metri più in là... ridono smandibolando. Ecco, con questo addosso, la gente a 10 metri non ci arriva, ride molto prima… di un compatimento esilarante. Ma anche che prenda aria. Perché può dar fastidio ed è bello pesante, oddio... "bello"… Bello è un parolone che… Diciamo coso_cosante affastiglioso?
KE potevievitarecheseandavidisudorefacevipiùbellafigura? Eeeh già.

Rating: ULTRAZERO.

Siamo contro quelle pubblicità, ci spiace moltissimo che ragazzi e uomini siano convinti da affermazioni senza sostanza di qualità inesistenti nei profumi in commercio. Anche noi da bambini cadevamo nei tombini, ma poi dài… poi uno sta attento. Altrimenti è proprio un creedino.

giovedì 16 maggio 2019

Hugo Reversed Hugo Boss. Yogurth, Ketchup, Mayonnaise?

2018/2019 fa lo stesso, tanto gliene frega niente a nessuno.
E' una delle cose più effimere che mai siano state lanciate, praticamente è quasi solo alcool e bht.
Su base lillipuziana ambranata, si erge un lacrimoso monumento citrico naturalsintetico (amarocit). Qualcuno ha lasciato un rametto di rosmarino dove non andava, ed è un peccato. Il rosmarino all'ambroxan sul petto di pollo, in bocca, fa davvero saponetta. Flacone in versione salsa allo yogurth del kebabbaro, decisamente una rottura di balle (anche all'impatto retinico).

RATING: ZERO

lunedì 13 maggio 2019

Yves Saint Laurent. Mon Paris Parfum Floral.

2019, G.

E' una croce da calvario scrivere recensioni per della roba tanto brutta*. Anche di questo assurdo Mon Paris quanti flanker hanno fatto #centotrentamilaunopiùinsulsodellaltro#? Peony acetonitrile, cashmeran, base su peach aldeide  c14 (pesca lattone)… rosa da gabi (+ pulisci, un sinonimo di 5 lettere). Fiori bianchi reconstr. Muschi bianchi. Gelsomino: non pervenuto.
Supercheap, per niente grazioso, per niente fine, per niente giovane, per niente vecchio. Le tende quando lo sentono si arrotolano, si imbustano e fanno il numero della lavanderia come fosse la loro ultima speranza di salvezza.

Rating: ZERO.

*Solo la sedicente profumeria di nicchia sa fare di peggio.

domenica 12 maggio 2019

Mugler Cologne Love You All & Mother Teresa.


Quel che resta di T. Mugler ha lanciato recentemente 5 ciofeche colorate. Così brutte che non avrebbero sfigurato tra le porcherie di quella fiera di settore di minchia che si ostinano a tenere senza buonsenso, senza prospettiva, senza intelligenza, senza mezzi ma soprattutto, senza la nostra approvazione. Eschecenx come si chiama, quella che fa la colletta per pagare l'albergo ai fragrantici barboni (do ut des per le farfugliose lodi sperticate sul loro business site)… Bibitari col frac a noleggio, ex prostitute rifatte, bocchinari assortiti con l'alito pesante. Profumieri senza capacità né titoli. Porcherie inscatolate, degne dei famosi negozietti "tutte puttanate, putti e puttane pitturate" che a chiamarli profumi una rappresentante Avon, come minimo, si offende. 

Almeno quel che resta di Mugler ha l'onestà di spacciare le novità che andiamo ad elencare senza troppe pretese (60 euro a pezzo), per cui non c'è niente da tirarsela. La minchia/nicchia impari! Inutile imbastire poesiole del cazzo sui vetrazzi sfondamensola insulsi strapieni di fissativi da detersivo lavatrice! Chiaro? The Scemsz of Escrexensz?

Fly Away (Levati dai coglio**). Come Together (Andiamo a fare in c***). Run Free (La corsa dei cerebrolesi). Take me Out (Disse il sacchetto dell'umido in casa da una settimana). Love You All (Madre Teresa).

Nell'insignificanza di queste pessime coloniette ci occuperemo di una per tutte e tutte per nessuno.

Mugler Cologne. Love You All.


E' una roba imbarazzantissima. Veramente una tristezza da lebbrosario. Sembra una fragranza per tensioattivi. Un chimico anallergico tipo... fatti un bidet. Frescolino, dice? tanto quanto dura, niente. Beh, ma se la concentrazione è da cogliogne, coglio… come si dice in francese colonia di nicchia? Eh… l'insostenibile leggerezza della Cogliogne de niche, appunto. Cogliogne.!Sia la concentrazione, che la vittima (il cliente).


Muschio bucato, ambra bucato tocco o toccatina fastidiosambrocenidica, e qualcuno che si buca. E silvia non sa, non sa che luca si buca ancora (perché è tornato di moda bucarsi, come saprete)… E perdere i denti, inciampando nella corsa tra i senza luca, carboni, ardenti. Minuscolandosi tra i ricordini di mosca, insetto e non città. Accidenti. Accidentaccio. Roba del... che me ne faccio?

Rating: ZERO SU TUTTA LA PESSIMA LINEA.

mercoledì 8 maggio 2019

Un mese senza post?


Cosa è successo? E cosa accade nel successo? Un mese dall'ultimo post. Abbiamo preparato un mare, un intasamento postale di pacchetti, Djed e Vetjver soprattutto. Un successo che esaurisce anche le disponibilità rimaste. Di Vetjver abbiamo concentrato per 2/3 unità ancora, poi dovremo attendere. Costa così tanto, e le materie prime "non in vendita" sono così complicate a reperirsi che si deve sentire miracolato, quanto noi, chi lo sta indossando. E' o non è un profumo fantastico? 100% di soddisfatti. Serve altro? Djed è un altro gioiello, e ci dicono di spingerlo per l'estate, perché sembra appartenere ad una categoria del piacere al di là del fresco o del caldo, del morbido o dell'affilato. Anche di quello, si va per il terzo lotto. 100% di soddisfatti, ed email lunghe 100 righe per, di belle e di esaltanti, dircene tante…  

Ma, un mese senza post? Ci ha lasciati, quando Dio ha deciso, non quando avremmo voluto noi. E ci siamo convinti a ritornare pubblico quel post che avevamo reso privato il 9 aprile sera, perché in fondo volevamo scriverlo solo per lei. Ma un sogno, anzi più sogni, ci hanno indotti a condividerlo con tutti i lettori, seguendo una logica che la nostra Eli avrebbe suggerito. In fine, è come averlo scritto assieme, quella esatta imago Antinoo che emerge dall'oscurità, l'aveva scelta e ce l'aveva spedita lei. Eli, un mare di baci! Un oceano infinito di amore. 

Ma, è da qualche tempo... che ci sono dei ritardi tra post, delle accelerazioni e dei rallentamenti. Che d'è? Lavoriamo come si sa. 16 ore al giorno. In Italia e in Francia. E siamo sempre più potenti, influenti, importanti. Per la profumeria artistica, che siamo solo NOI (se ci sono altri artisti presentateceli, a noi risultano solo sottosviluppati e per giunta poco fotogenici). Per la profumeria che va nei negozi (mainstream e sedicente nicchia) perché… Viene da ridere a disprezzare qualcosa che si è contribuito a creare, ma non abbiamo ancora l'autorità per dire NO. E la regola finale di ogni azienda è dare al cliente quello che vuole. Diverso è invece JICKIEL, che è come la mamma più smart del mondo, se sei vestita/o male, non ti prende in giro, ti chiama in casa e ti fa uscire solo quando sei veramente ok. 
Gli altri vi mandano in giro come clown, o bussolotti di detersivo, NOI NO.

Lavoriamo moltissimo anche fisicamente, la primavera è un ritorno nella verde palestra di Château Salamandre. Luogo dove ritemprarsi spegnendo ogni diabolico device, mettendo a dimora nuovi rizomi di quell'iris veneziana che dà tanto smalto alle nostre composizioni e più in generale curando ogni zolla di terra dei 3000 metri che con fatica e soddisfazione coltiviamo. 
Facciamo anche "volontariato". Aiutiamo gli anziani e in particolare la nostra adorata Griselda. Molti sanno che Giacomo già 5 anni fa aveva questa passione, l'encomiabile vocazione di andare (GRATIS, senza obbligo alcuno) a fare compagnia ai vecchietti nelle case di riposo (affrontando di tasca propria, spese per le necessità loro, come frutta, carta e colori da disegno, musica anni '30 in mp3 e cuffiette, etc). Aiutando infermiere pelandrone nelle cose minime come porgere acqua o avvisare in caso di malesseri vari o disagi di posizione, etc. Giacomo aveva coinvolto anche 1OU. E tutti noi abbiamo partecipato con determinazione e vivo coinvolgimento emotivo ed intellettuale. Conversazioni interminabili (dai contenuti incredibili), in molti casi più importanti, robuste e veritiere di tante faziose o cialtronesche corbellerie libresche. Abbiamo fatto amicizie straordinarie e preso appunti in decine di quaderni, ricordi, rime, fatti storici, pensieri. Fino a quando un cambio medici aveva trasformato la struttura ed i suoi ospiti da un giorno all'altro, in zombie sofferenti: perché i nuovi carcerieri avevano imposto psicofarmaci a tutti, senza nessun avviso ai congiunti. Come spesso accade anche negli ospedali, dove si raccontano sempre un mare di vigliacche puttanate, tipo "è normale, quando l'ambiente è diverso da quello domestico". Se gli togli gli antipsicotici e i neurolettici, è normale che l'anziano ti dica che tu, medico o infermiere, sei un criminale ed un assassino, ed andresti impiccato casomai. La sofferenza fu grande per tutti. Giacomo aveva detto basta. Non era riuscito a difendere i suoi anziani amici, le sue nonnine, e per questo era piombato in una depressione molto forte. Dei martiri e dei carnefici. Non abbiamo mai dimenticato nulla e nessuno, nel bene e nel male.

Due anni fa è accaduto un incidente domestico ad una persona molto speciale, che ha creato una situazione nuova ma dello stesso eco di quelle poco sopra narrate, ospedali diabolici soprattutto, pieni di buffoni e gentucola tanto incompetente quanto boriosa. Con quei camici bianchi che sempre meno rispetto ispirano nella gente, non senza ragioni fondatissime. Il caso riguardava il nostro nuovo aggiunto Nick. E Giacomo si è riattivato perché, come noi tutti qui, per Griselda nutre una ammirazione infinita. Non possiamo ora, non ci va di dirne di più, le cose vanno benino complessivamente, ma siamo come comprenderete sempre in allerta, sempre presenti, sempre in modalità soccorso. E' una nonnina di sensibilità artistica incredibile, un orecchio assoluto e un naso eccellente. Legge senza occhiali (a 96 anni), e ha una memoria ottima. Ha quelle che un tempo si dicevano "doti paranormali" o semplicemente ha un cervello dal genio incontenibile. Ha una positività, un amore per il prossimo, che le viene dal suo vissuto e dalle sue letture… Ha un solo difetto, è troppo umile; secondo noi, è una divinità, che non ci tiene a palesarsi per quello che realmente è... E' anche vero che ha paura, e il basso profilo le garantisce meno tensione. E poi, in un mondo immerso nell'ateismo e nello scientismo più ridicolo e pernicioso in cui il genere umano sia mai precipitato, è bene sì limitare la propria esposizione, contenere l'espressione della propria luce. Conoscere, volere, *****, tacere. 

Nel termine "volontariato", di aiuto cioè agli altri vogliamo anche fare menzione di quello che abbiamo fatto e facciamo, abbiamo aiutato ragazzi e ragazze in crisi, tolto gente stupenda dalla prospettiva del suicidio. E salvato vite, grazie alle nostre competenze in ambito medico. Una coppia di marocchini che aveva problemi moltissimi, anche di salute, per riconoscenza alla nascita della loro piccola, ha dato alla bambina il nome arabo più simile a quello del nostro che a quel tempo studiava medicina. C'è gente per bene anche tra gli africani ed il nostro paese poteva accoglierne, ma la vita di chi arriva non può togliere spazio vitale a chi di un certo territorio è l'espressione più autentica, selezionata dalle leggi dell'evoluzione naturale, nel sangue che è vita, memoria, storia, retaggio, eredità, e pieno indiscutibile possesso dei luoghi dei quali è espressione.

Ma, rimane un MA. GRANDE ed oppressivo. DA 12 mesi, siamo alle prese con una esperienza devastante che riguarda degli immigrati, già "italiani" secondo alcune leggi cretine volute dalla sinistra minoritaria in questo paese, con l'arroganza che è tipica di quella ipocrisia politica degenerata. Immigrato è un termine molto scorretto. Non si può paragonare l'oro al piombo né il piombo alla merda. La Polonia si è forse lamentata della invasione ucraina durante i problemi avuti anni fa con Mosca? No. Anzi, hanno steso tappeti rossi di benvenuto. Ma quando l'invasione ha cambiato natura razziale, hanno steso filo spinato. 
Rimaniamo nel vago. Anche nel senso del nervo (vago), che il cortisolo ci addenta, ci lacera in ragione delle violenze che subiamo, senza pietà. DA 12 mesi circa degli invasori di mer**, hanno affittato un magazzino fatiscente e lo hanno trasformato, senza permessi e senza competenze in materia edile, e tutto il resto (reti idrica, fognaria, elettrica). Quoziente intellettivo che nel nostro paese si attribuisce ai gravi ritardi mentali, ma se appartiene a razze diverse diventa un bizzarro "status". Producendo rumori atroci, odori schifosi, e fastidi infiniti. Le forze dell'ordine, 10 anni fa, avrebbero potuto risolvere questo tipo di illeciti in 10 giorni. In Svizzera canaglie del genere vengono portate in un bosco per rieducarli a pim pum pam coi legni. MA oggi comandano loro, prendono in giro le autorità, si appoggiano a leggi folli, che li tutelano nel momento in cui danneggiano i padroni di casa, noi italiani, noi nello specifico autori del Blog. Ci danneggiano e non possiamo difenderci per le vie d'abitudine, perché questi prendono più si che no anche quella merda di reddito grullino, non possiedono niente... se non l'illusione di valere molto più del […] al quale la biologia li ha relegati (la SCIENZA politicizzata che appare ad es. sui giornali di propaganda pro invasione e dipende dalla politica non è SCIENZA è VILE MENZOGNA). 
Sta di fatto che abbiamo perso nell'ultimo anno almeno 120 giorni! Abbiamo civilmente tentato tutto quello che era possibile. Anche se avremmo veramente preferito che arrivasse un eroe col taratatà. O come diceva quella nota pubblicità underground "Rumori e schiamazzi, chiama…" che poverini, quei due non hanno nemmeno fatto quello per cui sono dentro. Dicevamo, tutti. Abbiamo contattato ASL, militari di ogni categoria, l'amico Comandante, il Questore, il Ministro dell'Interno (che non ci è simpatico ma sta bloccando l'invasione peggiore nella Storia d'Europa, e quindi capiamo che tra bruttissimi difetti e pregi la bilancia pesa dalla parte migliore, e per non lodarne l'operato bisogna veramente non avere doti previsionali sul futuro d'inferno che attende tutti gli italiani, e gli europei TALI PER STORIA NEL DNA, NEL SANGUE ed anche quanti il POPOLO ha volontariamente adottato). 
Insomma, 120 giorni sono stati persi per colpa di certi stranieri malvagi, spietati, pericolosi, che "FORSE" finalmente… Niente. Hanno fatto appello contro la decisione della questura e ora si vedrà... In Italia ci sono leggi e norme costituzionali che fanno crollare la fiducia nel presente e nel futuro, e certi magistrati politicizzati che sono operatori di iniquità e nefandezza, e che la nuova politica espressione di una maggioranza sempre più consapevole delle menzogne di chi ci vuole invasi, legati e sottomessi,  dovrà avere la forza ed il coraggio di espellere e punire. Nessun giudice deve far trasparire le proprie preferenze politiche, o si compra un orto e pianta rapanelli o quel cazzo che gli pare, e non fa il giudice! Ora, noi non sappiamo in quali mani finirà il caso che insieme a molti residenti presso questo che è uno dei nostri studi e laboratori principali, ci affligge. Preghiamo solo che finisca e sia ristabilita la legalità, perché se degli italiani avessero fatto tali e tanti abusi e atti illeciti quanti ne hanno compiuti questi pez** di *****, 10 giorni ed era finita. Invece NO. Certa politica cretina di sinistra infame. E poi la violenza del media che possono attaccare un politico, un poliziotto, un cittadino, gridando al "razzismo". E non c'è parola più stupidamente utilizzata oggi che "razzismo". La Bibbia ed il Corano sono razzisti. Churchill era più razzista di Hitler. Gandhi era razzista. Einstein era razzista. Poi arriva un coglione con la terza media fatta male o la laurea in scienze nientologiche, con l'immagine del Che Guevara sul petto, fondo rosso, che grida "razzisti", mentre indossa una maglietta di merda che rappresenta un criminale che favoriva le violenze ai gay e li chiudeva nei campi di concentramento sottoponendoli a infinite umiliazioni. 

120 che sono a ben vedere 124, per la precisione. Giorni che hanno privato il Blog di post e di entusiasmo. Di salute (perché abbiamo dovuto spesso lavorare di notte o spostarci per avere la necessaria quiete per sviluppare nuove soluzioni creative e proseguire nello studio infinito delle materie che ci appassionano e davvero tanto vastissimo riscontro ci procurano). 

Il nostro giorno della LIBERAZIONE dagli invasori sarà il giorno in cui, a Dio piacendo, questo stato di continuo grave disturbo finirà. Ci piacerebbe che fosse presto, che fosse presto questo tipo di FESTA… 

Per il resto abbiamo importato per il 9° anno consecutivo dello splendido zibetto, il buon rapporto con le nostre dogane ce le fa finalmente apprezzare. Forse siamo semplicemente noi che forniamo ogni tipo di corretta documentazione, quel che importa è la nostra impareggiabile competenza circa lo specifico materiale. Perché e per come, non si deve far capire alla pletora di imitatori che ci leggono per copiare, dove andiamo, cosa e perché facciamo o diciamo. Ci teniamo molto a tenere tutti qualche migliaio di anni luce indietro. Non hanno meriti le persone che rubano anche un solo capello a dei Santi come Noi. Da chi ha tratto enormi guadagni coi vintage senza nemmeno dirci mezzo grazie, a chi ha rubato di sana pianta idee per fare profumi zoppi o cretinate come manifesti del cazzo (sempre senza ammettere di avere rubato anche di fronte all'evidenza!), a chi per invidia ha sputato cattiverie (non capita da tempo, ma è capitato anni fa e non dimentichiamo). Dio è lento all'ira ma facile al perdono. Chi non si fa perdonare, è un fatto vero: finisce sempre malissimo. 

Ma non siamo qui per quelle quattro pantegane che ancora perdono tempo con la minchioide profumeria di "nicchia" o sedicente "artistica" (senza uno straccio di artisticità), né per i fuffivendoli, né per gli "artigiani" dell'ingenuità, né per gli emissari dei vari marchi di moda, che non hanno capito… qui venite coi soldi in bocca! Non ce ne frega niente di collaborare con marchi di moda famosi, esponendoci gratis. Siamo NOI che giudichiamo la vostra inconsistenza non VOI che giudicate la nostra immensità, che se potessimo dirvi che in verità siete NOSTRI clienti e nemmeno lo sapete… Le orecchie d'asino vi arriverebbero al cielo! 

Eh, cari amici, capite? Ci scrive la divisione accessori di un certo marchio di moda, o un brand famoso che chiede collaborazioni o chi abbiamo dietro… non si rendono conto che siamo già NOI dietro loro! nel senso che… Poveracci, pensate quanta gente orba cieca e sorda "lavora" nell'industria del lusso oggi… 

Noi siamo qui per VOI! Per i nostri fedelissimi amici, che hanno il privilegio di indossare profumi tecnicamente superiori, qualitativamente inarrivabili, ovvero molto più VALORE, molto più denaro, di quello che spendete per avere una nostra creazione. Infatti, provate: indossate le punte di diamante della nostra produzione e poi andate nelle migliori Boutique, etc. Beh, come va a finire? Che sono gli addetti alla vendita (non le amichette ignorantissime di chat, così sfigate che anche il gatto di casa le schifa), sono gli esperti avvezzi alla qualità, che vogliono sapere da voi, DA VOI! che cosa indossate e come averne. E così ci hanno scritto e indossano nostre creazioni, commessi/dipendenti non specificati nel ruolo, di Bottega Veneta, Hermes, di Chanel e anche uno di Louis Vuitton (che vediamo di servire al meglio entro il mese). Wait, questo non vuol dire "lavorare per" il brand. Lavorare per il brand è alla lettera lavorare su commissione a progetto per il brand e non per i dipendenti, e non diciamo per quali brand si è verificato e si verifica il caso. Perché sono cose molto serie, sigillate da un severo vincolo alla riservatezza. 

martedì 9 aprile 2019

Un post per l'aldilà.


E. era una giovane donna, una ragazza bellissima, sensibile, intelligente e colta. Ci leggeva sin dagli inizi. Siamo emotivamente scossi e un poco smarriti, per molti aspetti che riguardano il finale di questa triste battaglia. Ma non la fine dell'affetto, che rimane in eterno. Vogliamo poterla salutare da qui, dove la nostra bella amicizia era cominciata. 









Fior di lillà, siamo noi che ringraziamo te. Per l'infinita dolcezza, simpatia, garbo e generosità. E' vero. Crediamo di averti concretamente aiutata, ma capisci che volevamo andare aldilà dell'aiuto, alla guarigione!? Non siamo mai stati tagliati per le mezze misure… Avremmo voluto salvarti! Tirarti su da quel continuo discendere senza risalire. Ma sapevano tutto loro…
Questa strana pace che si dà alla fine dell'esperienza terrena è così straniante. Oggi ti saluteremo, sul piano fisico, per l'ultima volta. Ma la nostra amicizia non finirà. I nuovi messaggi te li scriveremo nella chat che si scorge tra lo spirituale ed il sogno. Abbiamo preparato una "edizione speciale" del tuo profumo preferito, rimanendo chiuso, a differenza di una rosa, sfiorirà tra molti secoli.

E' la terza volta che ti piango, non so più cosa scrivere, solo che mi manchi.

E' uno dei post più difficili che ci sia mai capitato di scrivere. Ti vorremo sempre bene.