...CONTENTI?

sabato 28 settembre 2013

Panini Bombegài. Viaggio nella testa di chi si inventa l'ennesimo boomerang di nicchia.

 

Ormai abbiamo pezzi di nicchia e pezzi di pezzi di nicchia dappertutto, alcuni sono rifiuti speciali e ci sono due vie: o chiami i tecnici della monnezza che ritirano (fottendoti un poco di grano) la roba chimica ma poi la buttano in mezzo alla indifferenziata, o lo fai tu stesso e ti risparmi la rottura di balle ed i costi aggiuntivi che non servono all'ambiente ma a pagare i gettoni pasto agli operatori ecologici (compresi quelli al sole delle Maldive impegnati nel corso di raccolta cartacce in spiaggia con fiocina )...

Flying bad niche fragrances... 

Il dramma è anche dei commercianti: una nobildonna strafatta di Tavor ci ha confidato che un altro flacone e lo scaffale strapieno le precipita sul pavimento: voleva riempirci un carrello del supermercato di roba di nicchia perché le salvassimo il mobilio pregiato... Povera bestia, e pensare che ai bei tempi (per lei) ci regalava una Saila Menta per ogni 500 euro di spesa... (un profumo e mezzo)!
Non si vende questa linea... non si vende nemmeno questa! Ne prendete 10 ve ne regalo altri 10, va bene? E' pur sempre profumeria "artistica" sapete? Artistica 'sta fava!!!
Sole settembrino... I tergicristalli in questi giorni non si muovono perché non piove... ma tergi-versare, che è un'altra cosa, allunga inutilmente il brodo, il post. $o, Let'$ GO! Quindi, diamoci una mossa!


Abbiamo cercato di capire ed abbiamo capito, uno o forse IL modus operandi compositivo della nicchia, specialmente italiana.
I loro profumi non hanno contenuti in termini di innovazione, di progetto, di idee creative.
Hanno l'ambizione di distinguersi, vogliono il triplo di quello che costa il profumo che imitano senza averne i mezzi.
Vorrebbero incensarsi ma confondono il turibolo con lo zampirone, farsi grandi profumieri con mezzi rapidi o rapidissimi, fosse pure a bacchettate magiche in testa...


Ma non conoscono i materiali, non hanno senso estetico, non hanno idee, non sono belli, non sono famosi, non sono spesso un ***** di nessuno. E se sono fuori dalla Storia non è per ribellione ma in perdita dell'orientamento nella giungla di ciò che non conoscono! Vorrebbero scintillare, ma l'unico modo che hanno per fare luce, è darsi fuoco...

Prestigiatori più che profumieri...

Allora conoscete già il sistema di fumogeni: gli antenati profumieri, i profumi fatti su commissione e desiderio incessante della Regina, del Papa, di Gandalf del Signore degli Anelli e pure di ciascuna delle renne parlanti di Babbo Natale, ma come dimenticare Batman, in attesa da 3 anni di avere il suo profumino fatto dalle manine della "Nasa Iole Maria Scassalcazzaja dei Conti della Gran Fava": parola della Iole eh!

Ma sì li provo tutti... Bionde! Indovinate quanti polsi ho?
Ma fuori dalle fandonie, e fuor dai vetri, o meglio dentro gli stessi... finiti i paroloni sui depliant e sulle etichette... un liquido ci dovrà pur essere messo nel vetraccio!

Ed eccoli!

Ma quali idee, ma chi ne ha mai avute!?
Prendono un materiale chimico che funzioni e costi poco e ne alzano il volume, cioè ne buttano col secchio...
Alla fine l'idea centrale della nicchia è che se un panino all'olio è saporito, un panino imbevuto nell'olio sarà saporitissimo (o dovrebbe esserlo)!
Errore: perché il panino (bòmbego) imbevuto nell'olio passato l'esofago torna su con un rigurgito o corre via come un purgante.
Moltissimi profumi di nicchia sono sovradosaggi di m**** chimica economica e solitamente molto performante costruiti sul plot di profumi esistenti del mercato di massa, già di successo commerciale.
Credono che i muschi, il cashmeran, l'ambrofix, etc, siano un "più ce n'è meglio è", e invece sono uno dei principali motivi del loro invenduto (ed invendibile).


In molti ma molti casi è questo (sic et simpliciter) "la nicchia".
Ma per dirne uno, Chanel non lavora così quando vuol ottenere qualcosa di speciale e/o di intenso
E il panettiere che bòmbega i panini in quel modo, spende soldi che non recupererà, sporca dappertutto, e chiude.

Come i marchi di nicchia di questi tempi quel panettiere, indecisi tra nuovi prestiti per tirare a campare lanciando profumi come boomerang, o chiudere e cambiare finalmente mestiere.




Fare "profumi". Questo è il problema. Esserci o farci, e presenziare ogni anno alle fiere di settore più che campàrci...


I buffet sfamano ogni anno decine di profumieri e blogger sconosciuti e sfi**** (che si occupano di profumi perché la Playstation era troppo impegnativa)...

Oeh, un divertimento...

Nessun commento:

Posta un commento

Nous sommes ici pour révérer l'affection que nous recevons, avec dévouement et engagement. Nous voulons accompagner les amis sur le chemin de la beauté avec les compétences et la loyauté qui nous différencient, dans un monde de menteurs et incompétents. Tempo da perdere con approfittatori e perditempo ne abbiamo sempre meno: francamente, non ne abbiamo più.

Possono commentare liberamente solo gli amici e sostenitori. I quali hanno accesso all'under-Blog ed ai contenuti più esclusivi, ricevono sempre risposta e hanno precedenza su tutti gli altri.

I messaggi contenenti link pubblicitari, o comunque non autorizzati, vengono eliminati da sistemi automatici.

J!cky 2.0