...CONTENTI?

venerdì 22 giugno 2012

BLACK ORCHID, il "PASTICCIACCIO BRUTTO" di TOM FORD...



E' il 2006 e la Givaudan si impegna per scatenare tutto il chimico arsenale che le è proprio. Ma orchidee di plastica finte come plastiche decorative, e un guazzabuglio di accavallamenti dolci e polverosi, cacao e vaniglia, ma poi la diavoleria del tartufo con quella punta d'aglio, e il ribes pipì di gatto, note fruttate e fiori bianchi da deodorante muschio per ospedali: fior di loto, gardenia immaginaria, ambra, sì il cuore è un grand bel chimico bianco ospedaliero. La durata è breve 6 ore e tutto è passato senza bisogno di aulin o moment. Ma il conto è salato, si colloca infatti in fascia alta oltre i 100 euro il 100 ml, ma non li merita no.
Il risultato è un profumo casìno, strano e sinteticamente dolce.
Gourmand alla nausea tra note dissonanti, non riesce a far sorridere.
 
Voto: 2/5


Nessun commento:

Posta un commento

Nous sommes ici pour révérer l'affection que nous recevons, avec dévouement et engagement. Nous voulons accompagner les amis sur le chemin de la beauté avec les compétences et la loyauté qui nous différencient, dans un monde de menteurs et incompétents. Tempo da perdere con approfittatori e perditempo ne abbiamo sempre meno: francamente, non ne abbiamo più.

Possono commentare liberamente solo gli amici e sostenitori. I quali hanno accesso all'under-Blog ed ai contenuti più esclusivi, ricevono sempre risposta e hanno precedenza su tutti gli altri.

I messaggi contenenti link pubblicitari, o comunque non autorizzati, vengono eliminati da sistemi automatici.

J!cky 2.0