...CONTENTI?

sabato 21 dicembre 2013

Captain Harlock, the animated perfume.


Post di assonanze, sintonie e coincidenze. Ove si andrà discettando dell'osmosi perfetta tra un profumo imitato e un profumo animato...










Captain Molyneux e Captain Harlock (Capitan Harlock nella nostra lingua):





Sono straordinariamente felici le coincidenze che li allineano.





Captain era la speciale fragranza di un vero artista: il Capitano Edward Molyneux. 


Il profumo viene donato al mondo nel 1975 dopo la morte del Capitano (1974). Nello stesso anno Leiji (Akira) Matsumoto, decide di far passare il suo Capitan Harlock dal ruolo di personaggio (prima apparizione 1953) a quello di protagonista.

Capitan Harlock è un tale successo tra il 1976 e il 1979 [la serie di fumetti era intitolata Space Pirate Captain Harlock ( 宇宙海賊キャプテンハーロック Uchū Kaizoku Kyaputen Hārokku)] che nel 1978 la Toei Animation decide di realizzare una vasta opera di animazione traslitterando l'intero universo della serie in ancora più popolari episodi per ragazzi dalla rapida diffusione in tutto il mondo.







Capitan Harlock è nobile come Captain Molyneux, riflessivo e taciturno. E' un pirata dello spazio, un eroe romantico intergalattico, ed un individualista che lotta contro gli oppressori ed i regimi totalitari spinto non dalla volontà di servire specificamente qualcuno, quanto piuttosto da qualcosa di propulsivo che è nel suo cuore.

La formula di Captain Molyneux è un trionfo di bellissimo, vero e genuino muschio di quercia. E' il fil rouge che unisce i grandi classici della profumeria degli ultimi 100 anni e più. Oggi questa nota è quasi estinta, sostituita da imitazioni chimiche senz'anima e senza tridimensionalità.
All'estero chi ama il classico, i capolavori che non possono esistere senza il muschio di quercia, come Mitsouko per intenderci, s'accapiglia per possederne un flacone. 
Ma il muschio di quercia è solo l'elemento centrale di una più ampia orchestra. 

Unica: Captain Molyneux è IL profumo riuscito.

Per apprezzarne le doti tecniche si può leggere ponendo attenzione su questo fatto: una formula che escluda l'iso e super è qualcosa, per noi contemporanei, di felice e felicemente ri-orientante verso naturali sentieri di chiara bellezza e di (e finalmente) vera e comprovabile esclusività.

Oggi non c'è legno di cedro che non sia sommerso da iso e super e/o cedramber. Oggi che siamo oppressi da stronzate come Escentric Molecule 1 (iso e super ed eccipienti), uno stupido estratto del Dixan Lavatrice, il bello è non incontrare l'onnipresente macromolecola dell'iso e super.
L'iso e super, o il nuovissimo timbersilk sono cheap, si conservano a tempo indefinito, sono facili da usare.
La profumeria di oggi è scorciatoia.
Captain Molyneux è il coraggio e l'espressione della forza, dell'ingegno e del gusto del Capitano Edward Molyneux.

Impari la nicchia! Imparino i parolai dei profumi del nulla!

Se fosse un vino? Capiamoci; Luna Rossa di Prada è un tavernello in brick. L'originale Captain Molyneux è invece uno Château Margaux (un prezioso e raffinato Bordeaux).

Ed in questo delicato ragionar di vini e di profumi divini, si sveglino anche quelli che comprano un profumo d'annata, con alta percentuale di naturali (e quindi un profumo forte ma fragile), in regioni d'Italia e d'Europa, donde dovrebbero venire a noi non delicata vintage profumeria alcolica, ma semmai... fichi secchi!

E poi si lamentano...

Ma torniamo alle cose giuste e nelle giuste circostanze, esaminiamo una volta di più il profilo di questo profumo, la sua tessitura.

Grandiosa è la presenza della verbena o erba luigia (lippia citrodora), quella che squillava nella formula Vintage di Pour Monsieur di Chanel e che oggi l'IFRA ha messo al bando perché produrre note agrumate dal mais è molto più remunerativo e molto meno faticoso (non devi subìra la fluttuazione dei prezzi che ti impongono i produttori), limone (essenza distillata questa volta sì nel sud della Francia, dati storici della sua produzione alla mano), coriandolo, noce moscata, foglia di violetta, rosmarino, patchouli, zibetto (esisteva l'animalis nel 1975?), sandalo indiano, un gran bel tabacco doré, chiodi di garofano, lavanda, muschio (il Musk K dello Chanel N°5 e non il Galaxolide o i muschi del cazzo di oggi che al Musk K si ispirano), tonka e una hint di vaniglia so natural.
C'è qualcosa che ricorda la guerlinade nel fondo del Captain?

Sì. E' questo l'avviso di molti nuovi suoi estimatori, sì.



Il design del flacone è molto interessante, la sagoma di uomo all'impiedi o la forma di una stazione orbitante, di una navicella spaziale? Dovremmo chiedere lumi a Pierre Dinand (geniale creatore di flaconi celebri come Eau Sauvage di Dior e Opium di YSL).



I flaconi giusti e meglio conservati sono un prezioso intreccio, altamente godibile di Qualità, Storia e Rarità.





Captain Molyneux è Bellissimo.



E' tutto quello che, oggi, in profumeria, non si può più avere né fare.



Captain Molyneux, first formula (1975-1980) è un fougère molto frizzante. Gli ingredienti sono amalgamati tra loro in modo sorprendente, è arduo scomporre questa eccezionale fragranza, perché abbondano i naturali e mancano all'appello alcune molecole chimiche a cui oggi siamo abituati. Per dire: sentire vero legno di cedro virginia al posto dell'iso e super (brevettato nello stesso anno del lancio di Captain, il 1975), è un reset impagabile. Un tuffo nel naturale che è anche un arretramento dal chimicume contemporaneo.




Captain è un profumo del passato? La risposta è certamente no, per niente...


La struttura di Captain di Molyneux è trasversale rispetto agli stili e ai generi: è elegante come Patou Pour Homme con il quale condivide metodo, approccio costruttivo e tavolozza dei materiali più preziosi e squillanti. Captain è però più dinamico ed è vibrante quanto uno Chanel Sport contemporaneo, pur rimanendo bello spesso e rotondo: le concentrazioni percentuali di fragranza nel profumo finito erano, come noto, molto più alte in passato di quelle a cui oggi siamo abituati.






Senza Captain di Molyneux, non avremmo avuto una florida discendenza; tra gli altri, degni di citazione sono Green Irish Tweed di Creed (1985) e Cool Water di Davidoff (1988).




Captain è stato riformulato ed alterato nei primissimi anni '80, e di nuovo negli anni '90, diventando il fantasma di quello che era.



Reiteriamo l'appello: evitate i profumi conservati male o stracotti, vale per Captain ma vale per qualunque altro profumo che abbia oltre 10 anni. Evitate di acquistare dalle località più torride d'Italia e del resto del mondo. Per maggior chiarezza: NOI da Bologna in giù SCONSIGLIAMO di comprare il Molyneux del 1975: è la sintesi della nostra e della vostra esperienza, delle tante email che ci avete scritto, aventi per oggetto i vintage (Captain non solo) "cotti" o "rabboccati". E comprate esigendo precisione, ricordando che per l'oste il proprio vino è sempre ottimo, e che "è bbbuono" da uno che non sa un cazzo di quello che vende non significa niente, è un suono gutturale in un telefono.

I problemi sono principalmente termici. Meno caldo fa nel luogo di stoccaggio più salute avrà il profumo, maggiore sarà il suo lifetime (fino a un secolo secondo Turin, e per una volta siamo d'accordo).

Non è necessariamente comprensibile dalla scatola, perché il calore distrugge l'equilibrio dei profumi, molto ma molto prima che si abbiano esemplari come il corpo da autopsia di un povero Captain (che qualcuno ha anche il coraggio di vendere come niente fosse) nella foto qui sotto.



Quanto all'analisi grafica per identificare il profumo originale:

L'analisi grafica corretta è questa (in pratica i Captain con la Vela sono i riformulati):

A): L'ORIGINALE (la prima versione): immenso primigenio successo internazionale per la V1:

1974-75/1982 ORO PURO 
RATING: 5/5!


B): riformulazione e depressione per la V2:

1982-1990 DECLINO e PORCHERIA:
RATING: 1/5


C): Trauma commerciale e pausa.

Anni '90 fino ad oggi.
LA MONNEZZA:
RATING: ZERO



10 commenti:

  1. Ciao Jickissimi!
    Captain mi piace mi acchiappa un sacco. Sta bene anche su una ragazza, oh, oggi uno mi fa "che profumo indaco"... Indaco? Beh, mi sono aiutata col vocabolario online e ho capito che è un colore celestiale in alcune religioni.
    Captain acchiappa i ragazzi, ne prenderà un altro di scorta ;)
    E' un fougere con note di testa che sembrano limoni appena colti e una bracciata di erbe aromatiche con un cuore ricco, attraversato da muschio di quercia e muschi tipo il fondo di Idylle, a me sembra veramente un Guerlain.
    La vaniglia con le note agrumate e quelle polverose dolci mi ricordano la guerlinade e se non la memoria non mi inganna... Mouchoir de Monsieur! Giusto???
    Sò brava, leggo Jicky 2.0, studio e imparo. Post su Captain BELLISSIMO, siete i migliori!
    :* :* :* :* e anche :* alla ragazza che mi ha risposto in privato, che non so di chi di voi sia la girlfriend ma la invidio, ne sapete 100 più una di cose, mi incanto a leggervi.
    Ciao!
    Magica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. H@lo Magica!
      Bel commento, è vero Mouchoir de Monsieur aleggia nella composizione di Captain, grandiosa ascendenza. E' un profumo che piace ed è sempre piaciuto alle donne, abbiamo i racconti di prima mano, dei testimoni del botto che fece quando uscì: "era un gran bel profumo (condito da sognanti sospiri)", la frase epica della signora Nadine (sempre grati a tanta passione). Captain vale Patou Pour Homme, certo purché il primo ed il secondo non siano stati rovinati, perché va che ci arrivano rapporti pieni di gioia da chi l'ha comperato dai Deutch, poi ci arriva la perplessità di chi l'affare l'ha concluso a Crotone, o a Bari... Tu immagina cosa succede in un profumo di 30-40 anni fa a scaffale in una profumeria in Puglia, o in analoga regione torrida in estate. Captain giusto, come Patou Pour Homme giusto, significano puro godimento.
      Sì che sei brava a scrivere, fra un pò ti arruoliamo, tanti baci anche a te da tutti noi S. inclusa.
      ;)

      Jicky 2.0

      Elimina
    2. Fra Captain e ho hang che mi consigliate? Mi piacciono i profumo egoiste, habit rouge, m7 vintage...Quindi come fragranza quale potrebbe far per me fra le due?
      Una cosa! Avete mai sentito Jaipur di Boucheron? È un profumo che amo, che ne pensate?

      Elimina
    3. WELL, con un campo specifico così ristretto ti conviene Ho Hang quello scatola gialla e non il riformulato tardo, realizzato in tempi recenti con tutta altra banda a suonare, cioè non quello rosso cupo di fondo.
      HH ha molte note in comune con Egoiste, lo stesso santal effect di habit rouge, con legno di cedro, palissandro etc, giocati bene bene bene.
      Jaipur, il vecchio era rotondo e piacevole quello riformulato è più ectoplastico ma è ancora dignitoso, gli preferiamo il Boucheron EDP d'annata, anche se fa un tantino vecchio, per quel che ciò significa, a detta di chi lo dice. A noi piace.

      J!.

      Elimina
    4. Se però non hai Captain, sei zoppo, occorre un profumo ortopedico, il Captain va almeno provato. Così nascono i captaindipendenti.

      J|!

      Elimina
  2. Grazie mille!! In effetti 'ad occhio' mi intriga più captain anche perché ho hang so che era molto commerciale negli anni '70 ... Ho voglia di maggiore esclusività :))
    Ultima cosa... Il vostro è un blog immenso!! Bravissimi !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì di listino Molyneux Captain VS Chanel Pour Monsieur per l'anno 1979 vedeva Molyneux del 20% più caro di Chanel.
      Invece Balenciaga HH che è del '71 costava oggettivamente meno di Chanel.
      Grazie dei complimenti ;)

      J!

      Elimina
    2. Ringraziamo la gentile signora Nadine per la documentazione storica! Ci ha mostrato anche l'etichetta delle mutande ;) che sexy! ;)
      Ha 70 anni...
      J!

      Elimina
  3. puo' darsi che presto arrivi anche nella mia collezione :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le vôtre est une excellente idée. sans le "peut-être" ;)
      J.

      Elimina

Nous sommes ici pour révérer l'affection que nous recevons, avec dévouement et engagement. Nous voulons accompagner les amis sur le chemin de la beauté avec les compétences et la loyauté qui nous différencient, dans un monde de menteurs et incompétents. Tempo da perdere con approfittatori e perditempo ne abbiamo sempre meno: francamente, non ne abbiamo più.

Possono commentare liberamente solo gli amici e sostenitori. I quali hanno accesso all'under-Blog ed ai contenuti più esclusivi, ricevono sempre risposta e hanno precedenza su tutti gli altri.

I messaggi contenenti link pubblicitari, o comunque non autorizzati, vengono eliminati da sistemi automatici.

J!cky 2.0