...CONTENTI?

domenica 27 luglio 2014

Metareview: Iris de Nuit James Heeley. Una violetta col passamontagna, 120 euro! Non te li diamo! Ah... se il consiglio è buono, non sappiamo in Inghilterra, ma da noi si dice grazie.

2012, "si dice" James Heeley...
Quando ti cercavamo non eri mai in casa... Non si capiva niente, la tua segretaria era in realtà la proprietaria e tu eri [...], s'intuiva ma si poteva procedere, e invece...
Peccato, eri tu ad avere bisogno di Noi.
c**** tuoi, ti vediamo con lo specchietto retrovisore dude! 
Ora noi ti voliamo sulla testa come solo le aquile dal piumaggio da bandiera, gli avvoltoi del giorno del giudizio o i piccioni dalla mira buona...
Ma stiamo sul soggetto di questa metareview:



No Heeley, questo "Iris" che sa di "violetta" (alpha-isomethyl ionone, cumarina, iso e super & tonalide), tu nel "tuo" sito dici... "è seducente". No, non è seducente...


No, proprio non è seducente...

Sì Heeley, l'assoluta d’Iris è uno degli ingredienti più nobili della profumeria tradizionale. Il suo profumo caldo, delicato e quasi “terroso” non si estrae dal fiore ma dalle radici... 
Hey dude, se l'hai copiato da Wikipedia magari puoi anche dire grazie a qualcuno che ti sta per criticare di brutto.
Eh già, perché anche questo tuo profumo (o acqua profumata?) non è proprio bello, e CMQ non merita i soldi che costa.
In sincerità e detto tra noi... a noi non risulta che i tuoi profumi li faccia tu, ma ci informeremo meglio.
Iris de Nuit non è raro e raffinato, lo troviamo in tutti i quasi i nicchia shop e raffinata questa composizione a nostro avviso non è.
Lo senti? E' roba fine... ma da bucato! lenzuola fior di violetta e muschio bianco.
Non IRIS! Dovevi chiamarlo "Violette de Nuit" non "Iris"! Ma iris de che?
Scrivi poi ambra grigia. Nel 2014 è vero, c'è ancora gente con l'anello al naso, ma è una moda, non è più schiavitù...
Non hai usato l'ambroxan. Sembra cosmone ambrettolide iso e super e tonalide.

E' possibile che tu abbia messo lavaggi di assoluta di iris, di certo nell'ordine percentuale di quanto fatto da Iris de L'Erbolario, ma a nostro avviso tu ne hai messo di meno.
Ma è l'OVERDOSE di iononi che fa capire che non hai capito niente di profumeria, per apprezzare detta overdose spruzzate su carta e verificate 24 ore dopo*.
Vale 25 euro. Non un euro di più, per noi hai toppato.

E avremmo da mostrarti i segni a penna rossa a margine della recente revisione del Cardinal (l'unica roba che aveva suscitato in noi moderata e troppo frettolosa "fiducia").
Ma è vero, nella tua linea (che poi non è nemmeno tua"), c'è di peggio, anche molto di peggio. Per non dire che vendi anche delle emerite *******te. Ops!



Ops!
Anche a te, che hai tanti soldini, consigliamo qualcosa di più confacente il tuo talento comunicativo, il commesso alla Coop oppure comprati una bella Gelateria, se la prendi a Parigi puoi vendere boh, anche le Crêpes Suzette (sei un designer, le fai col compasso le vendi al doppio), no eh...


Rating: 1/5

* ci sono individui anosmici agli iononi, non è infrequente: è bene ricordarlo.


Ma se permetti... Heeley, ti saluto... 'FAN****. Tu e quell'ambito che voi sfi**** chiamate snobisticamente "nicchia" e che è invece solo un vicolo cieco, una trappola per tordi o, dato l'andazzo... una fossa da morto.

NON HO TEMPO oggi per le stronzatelle di nicchia, di là ho un Ellipse del '72 da indossare. Un Rolex contro i tuoi orologini di plastica? Se te lo spiego non ci arrivi, prova con i gelati...


Jicky Maria Farina.






14 commenti:

  1. Una dritta per chi fa gli Heeley... Laboratorio APF in zona Grasse, naso David Maruitte (per certo i primi Heeley, se poi ha cambiato a chi commissiona non so!).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. H@!o Colin

      "All These other ideas I had in my head..." (but he has done it all)! LOLZ, & how beautiful is Heeley in his first communion dress?

      Oh che bello :) e conosci per caso anche l'uomo detto "napoleone" che fa i profumi per Gualtieri?

      Jicky 2.0

      Elimina
  2. Che bel post! Sembra la letterina di natale a Heeley. Bravi!

    Tanto per cuoriosità, esiste qualche buon profumo all'assoluta di iris? (sia tra i recenti anche se molto improbabile che tra i vintage)

    Un profumo da 4 su 5 se non 5 su 5...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grassie!

      Ha fatto un lavoro migliore, rispetto a Heeley o a Penhaligon's la Andrier con Infusion d'Iris (EDP) per Prada dove l'assoluta stando all'esame GC è stata realmente usata e dove un sapiente lavoro di studio del fiore di iris accanto a quello del suo rizoma ha permesso di assommare rizoma a fiore, terra a cielo. O al maschile Dior col suo Homme, vicina all'1,5- 2% l'assoluta di iris nella prima EDT formula e nel primo EDP formula, abbassati +/- sotto l'1% nelle riformulazioni attuali (1% è comunque tanto eh). Usa abbondante assoluta di iris Guerlain (soprattutto negli estratti) e la usa bene, ma la si filtra tra le altre note, la si legge bene ma tra le altre parole.
      Xerjoff ha provato a fare una Iris con due o tre esse non sa nemmeno lui come si chiamino e come siano fatti i suoi profumi, li fa fare come sanno le persone a cui li commissione, ma è scialbo, irreale. Iris silver mist ERA forse uno dei migliori esempi recenti di massimo vocalizzo iridaceo, ma riformulato è un liquido tanto appiattito. Sicché in tutta la profumeria di nicchia nulla si trova di vicino all'idea di soliflore che si avrebbe ragione di avere davanti a un flacone con quel nome lì, iris, orris, etc.
      Nel passato (fino agli anni '80) si utilizzava molto più burro di iris di quanto si faccia oggi. Si produceva e si utilizzava. Shalimar, N°19 hanno perso per strada tanti pezzi, ruote, maniglie, sportelli, stanno ancora in piedi ma sono scheletrini di quel che erano.
      Ma l'esempio di Iris più esplosivo è Iris Gris di Fath (1948-49) una splendida overdose di burro di iris con una straordinaria nota di pesca. All'Osmo hanno una cosa imbarazzante, il nostro piccolo campione d'epoca è migliore, ma è un altro discorso.

      (segue)

      Elimina
    2. Il burro si produce dai rizomi stagionati almeno 3 anni (quel tempo è necessario per maturare le molecole aromatiche che interessano alla produzione di profumi, o all'industria degli aromi), quello ha un costo elevatissimo, ormai non è nemmeno facile a trovarsi. Un altro è invece quello che usano i profumieri di nicchia o l'industria ed è fornito da IFF, Firmenich, etc. E' sempre molto costoso ma non come quello prodotto tradizionalmente. Oggi l'industria dei naturali utilizza processi di "maturazione" dei rizomi che durano non 3 anni ma udite udite meno di una settimana... I primi a fare questa cosa di estrazione naturale rapida? *i***n***.
      Da 10 a 2 mila euro al kg il vantaggio c'è ma rimane roba costosa, alla gente meglio dare iononi e ricostruzioni varie più o meno terrose.
      E qui entriamo in gioco noi. 1OU aveva vigneti e terreni e moltissime iris pallide (la varietà toscana) e alcune germaniche, per capriccio o ambizione familiare una lunga siepe. Verificate le specie disponibili, saggiate e isolate la pallida e la germanica... L'idea che ci venne, 4-5 anni fa, fu di dissotterrare tutto e moltiplicare le piante sezionando i rizomi secondo manuale. Ci vollero tre giorni. Grandi porzioni in partenza, terreno di bella composizione ed in posizione perfetta 3 anni dopo abbiamo raccolto in estate ed essiccato su graticole fino all'autunno tra ore di sole e riposo al coperto e poi stagionando in sacchi di cotone o iuta sino ad oggi. Il grosso lo avremo per le mani a 3 anni dal 2012, l'anno prossimo. La prima estrazione è invece già avvenuta e va ingentilendosi (2011-2014). E' colpa delle dita sporcate di questa meraviglia osiridea se poi viene da ringhiare o sbavare di collera quando ti buttano in faccia una manciata di iononi di m**** e cumarina e ti dicono tiè l'iris... Tra vintage e materie prime tradizionali. Ci siamo abituati bene, pur avendo lavorato come schiavi ebeti, per sapere le cose bisogna studiarle. Per ottenere una buona assoluta di iris si passa dalla terra al sole, alla cantina (d'estate, d'inverno meglio il solaio) dove la stagionatura prevede controlli, dall'umidità che è necessaria entro un certo range per maturare i grassi con il contributo di alcuni lieviti ma non di altri. Ma scritto così è tedioso, la lettura di lunghi periodi affatica, allora preferiamo altri stili. La letterina è un modo più easy/vacanziero di tagliare il post; e poi ironia, terapia dei colori, delle immagini e dei suoni giustapposte alle parole fanno il resto. Per i più pigri abbiamo inventato le gif profumanimate. Così chi passa visita il blog coglie il concetto e va via stordito e contento.
      Son due anni che lo facciamo. E' un anno solamente che lo fanno Chanel e quel dis***** to di Malle. E qualche mese che ci si è messo Guerlain. Ma è ancora... un'altra storia ;)

      Jicky 2.0

      Elimina
    3. Ottimo! Grazie per tutte le info; molto interessanti-

      Elimina
    4. Jicky ti leggo sempre avidamente. Grazie e ancora grazie. Se è vero che di non solo pane vive l'uomo tu mi dai un ottima alternativa. Il sogno.
      Vincenzo

      Elimina
  3. avevo appena deciso di acquistare Sel Marin e poi leggo questo post .. ora che faccio? alle tipe piace l'odore di sale. a sto punto prendo fiore dell'onda e con 20 euro me la cavo, no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sel marin è un ozonato come mille altri brutti ozonati, il nostro preferito è Aquawoman di Rochas (l'ha fatto Almairac, ci hanno ficcato dentro naturali della Robertet), marino cuore nobilmente fruttato e floreale. Se devi profumare una "compagnia" di persone metti quel che ti chiedono, fai il deodorante umano. Se devi piacere a una sola persona (e a lungo) è importante evitare profumi che sterilizzino il proprio odore naturale, i profumi di mare e di sale come li chiamano, sono orrendi, se non sono blendati di altri roba che partecipi ad aggiungere bellezza agiscono solo come neutralizza-odori. Per una relazione occasionale scegli il profumo che piace a te, e punta su simpatia, bellezza o prestanza fisica ma soprattutto vedi di girare con una tasca piena di soldi ;) J.

      Elimina
  4. Che belli: i periodi lunghi, la letterina, le gif e Jicky! :*
    Quello con tante esse è un iris pallido invece; sentito ieri insieme a qualche ùd del Sergio russificato.
    Saranno impressioni superficiali di ignorante quale sono, ma quello è buono a mandare in papponi variamente dolciastri e ugualmente noiosi buona parte di quanto fa e non sa nemmeno intrecciare un po' di note: undduettré oud, fiori misti e finale imbranato...
    ❤️❤️❤️

    RispondiElimina
  5. aproposito di heeley, sentito vetiver veritas. 140 euro circa per 50 ml .. quindi seguendo il vostro ragionamento, 300 euro 100ml, allora il Vetiver di Guerlain quanto dovrebbe costare? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "seguendo il loro" ragionamento; sì Guerlain dovrebbe triplicare i prezzi...
      e il vintage che è decisamente sottovalutato... nei casi d'eccellenza, decuplicarli rispetto agli attuali.

      CMQ sai quanti marchi sono entrati e usciti dagli assortimenti delle profumerie di minchia?
      Spariscono sai? Oggi ci sono un sacco di profumi acclamati 4 anni fa che sono spariti, e sparirà anche Heeley, ha smesso di produrre novità (è già una buona cosa dopo Coccobello) e vende così poco che i commercianti sono in brontolio continuo.
      Sparirà e non lo cercherà nessuno † Don † Don † Don...

      Jicky 2.0

      Elimina
  6. Credo che figuier meriti un salvagente. ....

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Nous sommes ici pour révérer l'affection que nous recevons, avec dévouement et engagement. Nous voulons accompagner les amis sur le chemin de la beauté avec les compétences et la loyauté qui nous différencient, dans un monde de menteurs et incompétents. Tempo da perdere con approfittatori e perditempo ne abbiamo sempre meno: francamente, non ne abbiamo più.

Possono commentare liberamente solo gli amici e sostenitori. I quali hanno accesso all'under-Blog ed ai contenuti più esclusivi, ricevono sempre risposta e hanno precedenza su tutti gli altri.

I messaggi contenenti link pubblicitari, o comunque non autorizzati, vengono eliminati da sistemi automatici.

J!cky 2.0