...CONTENTI?

giovedì 30 gennaio 2014

LIES! JUST LIES!


"I profumi vecchi, dannazione dobbiamo fermare questi maniaci!
dobbiamo spaventarli, se quelli soppesano le differenze tra il prima e il dopo siamo fot****!
Comprano "vintage"... E noi questa m**** chimica nuova tutta lustrini? A chi la rifiliamo!?
Dobbiamo dire cose turche del vintage, che è innanzitutto allergizzante...
Certo che non è vero (ci sono più casi di allergia con i profumi di oggi che con quelli di 20 anni fa), ma dobbiamo farglielo credere, loro credono a quello che diciamo!
Poi che certo sarà andato a male ormai! Poi dobbiamo dire...
Hey! Un gas-cromatografo! Pubblichiamo un esame falso e diciamo loro che non c'era rosa nei profumi di una volta, non c'era garofano, non c'era sandalo, non c'è mai stato zibetto...
Diciamo loro che nei nostri c'è tutto! Diciamo loro che il muschio di quercia, che ne so porta sfiga!
Insomma dobbiamo raccontare tutte queste ba***, in fondo i profumi fuori produzione non si sanno difendere da soli, e soccomberanno, perché noi abbiamo i giornali, i media, i video di youtube, sorridiamo su facebook, mandiamo gli auguri via email, è il nostro business, il consumatore è un pollo, dobbiamo rosolarceli bene i fanatici dei profumi vintage...
Se falliremo ci potremo però consolare, sembra non ci siano molti profumi sopravvissuti in salute al tempo che passa, prima o poi finiranno no? Ma sia chiaro da oggi in poi i profumi interrotti meglio smaltirli come i panettoni dopo l'epifania, li ritiriamo e li mandiamo in discarica...
Come stanno ormai facendo XXXXX, XXXXXXXX, XXXXXXXX, etc.
Solo nel fallimento si svende, mai scontare il lusso, il lusso si vende, ed è meglio distruggerlo che scontarlo! 
Voglio vedere così cosa comprano fra 10 anni"!


Un noto marchio di profumi, alcuni anni fa aveva proibito a ebay (landa della rete che non gode della nostra stima) la vendita di suoi profumi, sostenendo che il profumo che il consumatore acquista non gli permettesse di rivenderlo, perché... perché la proprietà intellettuale rimane al produttore, e altro vario mini-nazismo da accattoni...
Riuscì a spuntarla ma solo per breve tempo, non aveva ragione di sostenere quello che sosteneva, e alla fine non ottenne altro che disprezzo, oggi ci si dimentica di questo fatto non tanto remoto, ma la verità dietro questo atto vile era solo una: occultare, interdire, azzerare. 
La cosa schi**** è il loro modo di operare!
Il loro modo tirannico di condizionarci, con mezzi sofisticatissimi, unicamente con premesse e su basi di esclusivo interesse economico, di profitto.
ARTE? Ma non sanno nemmeno con quali e quante lettere scrivere la parola ARTE! In fondo è ANCHE per questo che sino ad oggi non si è MAI veduta ARTE in Profumeria!

Occultare.
Interdire.
Azzerare.

Che cosa? 
LA STORIA!
LA VERITA'
LA Profumeria TEME la STORIA, la propria STORIA! 
Per questo la fa scrivere a dei de******** laureati per corrispondenza in economia, o a babbuini con diplomino tecnico in che c**** ne sanno loro! Bisogna dire che Marilyn usava quel profumo, e solo quello poi... quando non era affatto vero (e fino a 10 anni fa non c'era nemmeno bisogno di dirlo, perché l'acque non erano ancora torbide: era noto, si sapeva), ma con le date inventate ci vive Creed, e poi bisogna dire (questo vuole chi deve venderli) che il vero XXXXXXX non è quello del 1903 ma quello prodotto oggi...
LA VERITA' poi...
Cos'è la VERITA' in Profumeria? E' una pu***** deformata dalla sifilide, che ti accoglie con le sembianze di una dea... La VERITA' in Profumeria è SEMPRE una MENZOGNA!
Il Blog dal quale veniamo recitava e recita ancora TRUTH, FRAGRANCES...


15 commenti:

  1. Complimenti come sempre per la tagliente schiettezza dei tuoi post.
    Però ho una domanda.. Possibile che tra i profumi ora in commercio di valido ci sia solo Mitsouko? Avresti da consigliarmi un'alternativa senza andare sul vintage? Grazie e complimenti ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. H@lo & Thanks.
      Ci sono molti profumi in produzione nuovi o riformulatissimi che abbiamo giudicato in modo positivo o molto positivo, tra i meno costosi ci sono: Infusion d'Iris di Prada (solo l'eau de parfum), Jil Sander N°4 (la casa madre produce ancora un 50 ml dignitoso), Guerlain Homme Intense, Dior Homme Intense, Guerlain L'Eau Boisèè, Guerlain Idylle, Guerlain Shalimar, Guerlain Mitsouko, Chanel N°5 Eau Premiere, Chanel N°5 EDP, Potion Dsquared², Guerlain Chamade. Ma la lista di chi ha preso buoni voti potrebbe continuare, poi ci sono profumi più costosi come Lyric di Amouage, etc. Che non sono rari o interrotti e godono della nostra stima, perché tra i profumi in commercio non è ancora tutto da buttare.
      Anche i migliori di questi sono andati precipitando in concentrazione e qualità dagli anni 80 ad oggi, è arcinoto. I criteri per i quali questo sì e quello no sono espressi singolarmente review per review. Ma l'intero Blog è navigabile, anche con ricerca direttamente da Google, visto che la indicizzazione del Blog di profumi più letto in Italia e in Europa (abbiamo stracciato anche i francesi questo mese) permettono facile ricognizione dei profumi valutati.
      Ciao!
      J.

      Elimina
  2. Complimenti come sempre per la tagliente schiettezza dei tuoi post.
    Però ho una domanda.. Possibile che tra i profumi ora in commercio di veramente valido ci sia solo Mitsouko? Avresti per piacere da consigliarmi un'alternativa senza andare sul vintage? Grazie e complimenti ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. WELL,
      vedi la risposta al messaggio copia e incolla delle 17 sotto quello delle 15 qui sopra.
      ;) Ciao!

      Elimina
    2. Ciao volevo un tuo parere sui profumi che prediligo, anche se temo la risposta:
      Lavanda di Czech & Speak, Eau Froid e Cherqui di Lutens, English Fern, ebbene sì Caron pour un homme anche se mi piace sempre meno. Per un periodo ho provato qualche Jo Malone ma li ho regalati via. Una volta mi piacevano Antaeus ed Heritage di Guerlain, che non si trova più.
      Sto cercandi un'Iris e intendo che suggerisci EDP di Prada.
      Tuttavia non ho ancora scelto il profumo definitivo.
      Che dici ?
      Grazie
      Nino

      Elimina
    3. Ciao Nino!
      La lavanda Oxford & Cambridge di Czech & Speake è un cosina brutta, con un cuore insalubre, non è niente, a quel punto meglio Caron Pour un Homme, ma se si vuole superarli entrambi per vera lavanda e vero oakmoss niente di meglio di Captain di Molyneux.
      Su l'Eau Froide di Lutens abbiamo scritto devi cercare qui in alto a sinistra digitando il nome del profumo o direttamente in google aggiungendo "jicky".
      Idem per English Fern.
      Antaeus piaceva a tutti una volta, quello di oggi ha solo lo stesso nome...
      Heritage non viene distribuito ma è ancora tra noi, è tutta roba buona che si trova, fidati si trova...
      Infusion d'Iris di Prada EDP è molto interessante, conviene provarlo perché è presente in ogni profumeria e si fa presto a capire se può fare o meno al caso nostro.
      Jo Malone no, proprio anche a noi una volta a uno è rimasto qui e non andava giù nemmeno col bicarbonato...
      Nino è un bel nome anche perché in profumeria è Cerruti... Quel Nino Cerruti, il primo, oggi ricercatissimo, almeno quanto la prima formula di Antaeus con quella nota cuoio da vero castoreum che oggi la si cerca col lanternino convinti di poterla trovare... avercene!
      La ricetta è un Antaeus Chanel Vintage (prima formula) per l'inverno, e un Captain Molyneux prima formula per la primavera, prima o dopo i pasti non fa differenza, è roba che fa girare giuste le giornate.
      Tanta salute!
      J!

      Elimina
  3. Bello aver tirato fuori Heritage di Guerlain...buono e mai scontato. Non so perché ma è un Guerlain che si "frequenta" poco; è un peccato perché, se non è cambiato tanto negli anni, è decisamente avvincente. Forse è un po' "schiacciato" da Habit Rouge, anche se diverso.
    Certo che vedendo i profumi interessanti tra gli attuali Guerlain svetta. LVMH forse non ha ancora fatto troppi danni...speriamo.
    Caro J20 ho una curiosità su Lutens stante che si parla di lavanda : cosa ne pensate di Gris Clair ? Insieme a Serge Noir è l'unico SL a cui mi posso avvicinare con le narici (che saranno di certo balorde, ndr).
    Beh, qua snevischia...ci vorrebbe proprio Heritage.
    Cordialità
    E.P

    RispondiElimina
  4. Oggi sono andato a fare una passeggiata nei grandi magazzini e mi sono soffermato in uno spazio Guerlain. Ho avuto modo di provare Veriver edt, Habit Rouge edt, Mitsouko edp ed Heritage. Anche se sono l'ombra di un tempo, ho come avuto la sensazione di elevarmi rispetto ad altri prodotti di quella profumeria. Heritage quindi sembra essere di nuovo in produzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' anche l'effetto delle luci ;) Heritage non è mai stato interrotto, solo scarsamente distribuito in Italia. Fai conto: sandalo, gelsomino e rosa sono stati tutti rimpiazzati per oltre il 50% nella percentuale di frag. da quando sono stati lanciati a oggi. Il muschio di quercia è castrato. Etc. Sono inoltre tutti alleggeriti percentualmente nel rapporto tra totale del profumo disciolto e solvente alcool/acqua. Jicky 2.0

      Elimina
  5. Senz'altro:( è anche vero che sono comunque meglio del 95% dei prodotti che stanno dentro le peofumerie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Seri dubbi (oggi 2015), ad es. tutto è meglio de L'Homme Ideal o delle tante versioni deteriori e recenti de la Petite Robe Noire, o delle ultime Aqua Allegoria: oggi Guerlain è poco sopra la media, con gli ultimi lanci maschili e femminili si è ficcato in un fosso. E' un brand nella ****** fino al collo, va male pure la cosmetica... Jicky 2.0

      Elimina
  6. Su questo non ho dubbi, infatti quando dico che i Guerlain sono meglio di altri lo dico nel senso che sono meno peggio di altri. Non c'è nulla che si salvi in profumeria, per cui le "ombre dei grandi" spiccano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I laboratori dove Guerlain fa fare, notare FA FARE... i suoi prodotti sono spesso gli stessi dove LVMH produce i profumi Dior. Ma gli stessi dietro compenso fabbricano profumi per tanti altri marchi, anche di nicchia. Dior collabora con Chanel, hanno tecnici in comune... Guerlain ha un logo in corsivo, passasse in stampatello cambierebbe la percezione che ne abbiamo. Inoltre oggi Guerlain gode di una eccessiva e scorretta riabilitazione storiografica. Sai perché si trovano più flaconi di Guerlain che di Guy Laroche per gli anni '70? Perché Guerlain non se lo filava nessuno...
      Guerlain è un marchio "resistente", più cocciuto che geniale.
      Jicky 2.0

      Elimina
  7. Mi riferisco ovviamente ai grandi Guerlain e non a quella c****a de L'Homme Ideal.

    RispondiElimina

Nous sommes ici pour révérer l'affection que nous recevons, avec dévouement et engagement. Nous voulons accompagner les amis sur le chemin de la beauté avec les compétences et la loyauté qui nous différencient, dans un monde de menteurs et incompétents.

Apprezziamo e favoriamo i commenti alle creazioni JICKIEL®, nei post a tema, da parte di quanti le hanno fatte proprie e desiderano renderci partecipi della loro esperienza. Ed i commenti alla profumeria vintage meritevole di revival nei post dedicati. Non abbiamo palle per tutto il resto.

Grazie.

Dal fondo di tutti gli altri tipi di post, dal 2018 i commenti, link pubblicitari, etc, vengono filtrati dal sistema e cancellati: già perdiamo tempo a recensire un mare di stronz*** commerciali, ci manca pure che ci perdiamo nei commenti alle recensioni delle stronz***...

La vita è breve anche in Profumeria, diamo importanza alle cose che contano, per tutto il resto "spazziamo la moneta per quello che vale"...

Sweep the moneda for what it's worth :)

J!cky 2.0