...CONTENTI?

sabato 7 giugno 2014

Oriza L. Legrand perfumes and colognes e chea vaca de so mare...

Oriza l'è na gran...
Ci risiamo... 
Per scrivere post come questi servono cinture contenitive.
Quando qualcuno che HA SOLDI, vuole tentare la produzione e vendita di profumi, si comporta né più né meno come chi dovesse vendere pasta, scarpe, carta igienica, borse di plastica. 
Calcoli a tavolino. E il problema più grosso, la credibilità come azienda che nasce, solitamente dal nulla, o dallo studio di un commercialista o di un notaio.
La credibilità si può acquistare, alla fine si acquista tutto, i voti (renzi e gli 80 fantomatici euro), il titolo di studio universitario o di altra categoria, il posto di lavoro nella PA, le visualizzazioni di un sito o i like di Facebook, la verginità su ebay... Figuriamoci se non si può comprare l'immagine di un marchio del passato attingendo a quella credibilità senza alcuna continuità reale con chi si ripropone sotto quelle (false sembianze).
E' il caso di Oriza L. Legrand che alla maniera di moltissimi altri: Caron, Jovoy-Corday, Patou, L.T. Piver, etc... Si comprano i diritti di un marchio defunto, a volte spendendo molto poco perché il marchio è abbandonato da un secolo... e via che vanno... tronfi, con flaconi agghindati come personaggi del presepe...
Non spiegano mai che tra il loro prodotto con lo stesso nome di quello originale e l'originale c'è l'oceano della fantasia immorale di speculatori ignoranti o in malafede, non c'è mai la sincerità di dire sì abbiamo fatto questa roba ieri ma ti vendiamo la storia dell'orso di 100 anni fa perché fa più figo. I riformulati dei marchi elencati sono a volte ispirati o simili agli originali, ma moltissime altre volte sono autentiche opere di re-invenzione e in senso storico di plateale e immorale contraffazione.
I profumi di Oriza L. Legrand sono profumi del 2012. Il tizio che si annoiava e ha messo su la baracca è un tale "Franck Belaiche" che si annoiava del ruolo non chiaro nella produzione di format televisivi e preso su il primo marchio storico libero che era a catalogo si è inventato il business (del quale tedio noi si ciarla qui con grande bruciore epigastrico).
Invece di dire "non so un c**** ma voglio fare i soldi" ha detto le solite cog*******, la storia di Oriza era affascinante, ho raccolto i profumi d'epoca, le formule (sì sotto i lampioni stradali o in c*** al rondone?). Biondo (spelatato)! "ti voevi far schei, ma no ti ghévi nesuna idea", diciamo le cose come stanno!
Per spiegare ad eventuali possessori degli originali la crasi tra gli originali e quelli oggi in commercio, lui ha inventato la balla: ottimizzati, i profumi Legrand sono quelli del passato ma OTTIMIZZATI, cioè? 
Li gà fati come che ghe parea... Li ha fatti come a lui pareva comodo farli.
A noi non interessano i prezzi di questa paccottiglia, perché il loro valore è, per il nostro metro, vicino allo zero.
Sono prese per il c*** diverse ma simili a quelle di altri marchi pallonari, come il più noto tra tutti che è Creed, che bella l'ultima scoperta, nemmeno se li fa in proprio i suoi tanti profumi TUTTI nati dopo il 1980, anche quelli delle regine, dei re e dei presidenti che senza prova alcuna dice Creed li avrebbero indossati e persino reclamati a gran voce! 4 paia di co*******! Vaf******, chi compra queste st******* per noi è peggio di chi compra i profumi dai cinesi.

I prodotti provati e che non recensiremo, perché di tutti faremo unica fascina vengono giudicati con media algebrica nel seguente RATING:

 ZERO.


2 commenti:

  1. Sono d'accordo, alcuni sono mediocri, altri delle cagate immani, personalmente salvo solo Chypre Mousse perché è un mostriciattolo che in qualche modo ha del fascino (dell'orrido, ma fascino).

    RispondiElimina
  2. H@!o Colin, Bentornato ;)
    E' la strategia truffaldina che corrompe anche quell'unico discretamente riuscito: è come con Creed, è tutto falso. Se Oriza o Creed fossero sinceri, onesti, e dicessero la verità: "questa roba l'abbiamo fatta progettare da uno studio esterno, fabbricare là, il tutto si è svolto nel 2012, le palle che riferiscono del 1844 sono come quelle dell'albero di natale"... Sarebbe tutto diverso. Ma è rivoltante che loro prendano in giro i clienti e cerchino di costruirsi credibilità con inganni ripetuti e continuati, e con l'addestramento degli addetti alle vendite e dei commercianti di questa porcheria che sono istruiti sulle panzane da raccontare ai clienti.

    Jicky 2.0

    RispondiElimina

Nous sommes ici pour révérer l'affection que nous recevons, avec dévouement et engagement. Nous voulons accompagner les amis sur le chemin de la beauté avec les compétences et la loyauté qui nous différencient, dans un monde de menteurs et incompétents. Tempo da perdere con approfittatori e perditempo ne abbiamo sempre meno: francamente, non ne abbiamo più.

Possono commentare liberamente solo gli amici e sostenitori. I quali hanno accesso all'under-Blog ed ai contenuti più esclusivi, ricevono sempre risposta e hanno precedenza su tutti gli altri.

I messaggi contenenti link pubblicitari, o comunque non autorizzati, vengono eliminati da sistemi automatici.

J!cky 2.0