...CONTENTI?

sabato 22 dicembre 2012

Come cambiano le rose.


Il tempo 
Non mi vedi, non mi senti,
non mi tocchi, non mi prendi.
Corro, corro, lesto lesto,
ora lieto ed ora mesto.
Corro corro e mai mi stanco
ed ai nonni il capo imbianco.

Il pendolo

Tic tac, tic tac, fa il pendolo
che posa mai non ha;
bambini miei spicciatevi,
il tempo se ne va!

                                                                                               ( Lina Schwarz)






Il profumo delle rose cambia nel corso del tempo, 
assecondando l'ora del giorno. 

Alle prime ore del mattino gli agenti olfattivi nelle piante sono i più forti, gli olii più potenti, e così, vengono raccolte le rose per l'estrazione della preziosa essenza (e.o. in corrente di vapore). 
Il profumo della  rosa tende a essere più potente con le prime fioriture dopo la pausa invernale. Esso cambia a seconda che la rosa sia negli esterni o negli interni di casa. 
E proprio il taglio può modificare i rilasci chimici dei materiali olfattivi (stimati in oltre 300) che ne compongono l'aroma, quindi una rosa non molto profumata all'aperto può essere molto profumata una volta recisa e trasferita in un vaso. 


Tic tac, tic tac...


Nessun commento:

Posta un commento

Nous sommes ici pour révérer l'affection que nous recevons, avec dévouement et engagement. Nous voulons accompagner les amis sur le chemin de la beauté avec les compétences et la loyauté qui nous différencient, dans un monde de menteurs et incompétents. Tempo da perdere con approfittatori e perditempo ne abbiamo sempre meno: francamente, non ne abbiamo più.

Possono commentare liberamente solo gli amici e sostenitori. I quali hanno accesso all'under-Blog ed ai contenuti più esclusivi, ricevono sempre risposta e hanno precedenza su tutti gli altri.

I messaggi contenenti link pubblicitari, o comunque non autorizzati, vengono eliminati da sistemi automatici.

J!cky 2.0