...CONTENTI?

sabato 18 maggio 2013

La Fille de Berlin di Serge Lutens.


2013
«Ho immaginato una rosa di metallo che riposa sulla neve ma che ha il carattere della passione. È una rosa piena di spine, non si sottomette. La sua fragranza allevia, stordisce e sorprende. Questo profumo è contraddittorio: deciso e consolante al tempo stesso. La rosa è un fiore sontuoso, fatto di sangue, di notte, di neve e di gloria. È stupefacente, la sua violenza è la sua bellezza. Questa rosa è pura invenzione. È una rosa piena di spine, furiosa, speziata, cipriata, con un tocco di pepe, estremamente persistente. La fille de Berlin è un profumo complesso che nulla ha a che vedere con una fragranza soliflore. Questa rosa evoca l’immagine di una donna forte, sfrontata, indipendente, mascolina ma estremamente provocante. Questa rosa è Marlene Dietrich nel film Morocco di Von Sternberg. In quel film indossa un frac da uomo che le fascia la vita e i contorni ondulati e sinuosi: seduce e provoca, affronta e scandalizza, è più donna che mai, mette al femminile quello che c’è di più maschile». 
Serge Lutens.

Sergio Lutens


Sergio, ma v********* và, le tue sono pippe mentali! 
O hai provato qualcosa... d'altro da questo.

La Fille de Berlin è una *****.

Lutens usa quantità di rosa assoluta proverbiali, molto belle tra l'altro.
Ma qui il pepe non è rosa, è s*****samente da cucina.
E sveliamo l'arcano: non è un profumo di 2 sole note!
Ma va?
Tra i tanti tocchi di altre molecole, a correzione del geraniolo abbondante nella rosa scelta, spicca la presenza di aldeide C10 probabilmente abbinata 
ad altra aldeide ancora, per mimetizzare la scelta.
Una scelta sch*****, buona per rovinare una rosa.
Il profumo non è metallico, è irritante il sistema nervoso come pippare detersivo e pepe dalla saliera.
Il colorante scelto inoltre macchia, quindi attenzione.
O i vestiti grideranno amarena!

Voto: 1/5

3 commenti:

  1. I vestiti grideranno anche amarena, ma io oggi gridavo impepata di cozze in giro per la città! Lo zio c'è andato giù pesante col pepe, te possino

    RispondiElimina
  2. Buonasera.
    Ho letto in diversi dei vostri post, che inizialmente avevate una certa ammirzione per i profumi di Lutense, ma acquisendo esperienza avere rivalutato in negativo molto del suo lavoro. resta qualche pezzo buono da acquistare? io ho solo Borneo 1934 e Boise Vanille; meditavo l'acquisto di Majeste la rose e Ambre sultan. c'è qualche pezzo sopra i tre punti su cinque nella sua collezione? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Teo

      sì Lutens è una volpe...
      Più lo conosci più ti delude.
      Non vende profumi, vende palle colorate (a prop. di colori, esiste un profumo al mondo più pitturato intensamente e male di La Fille de Berlin?).
      Noi OGGI compreremmo FORSE solo Tuberose Criminelle, il rimanente assortimento ci lascia piuttosto indifferenti.
      E' giusto che i giudizi siano mobili.
      In primo grado si può assolvere l'imputato del quale si ignorano le colpe, ma nei gradi successivi il giudizio di chi si applica si affina.

      J.

      Elimina

Nous sommes ici pour révérer l'affection que nous recevons, avec dévouement et engagement. Nous voulons accompagner les amis sur le chemin de la beauté avec les compétences et la loyauté qui nous différencient, dans un monde de menteurs et incompétents. Tempo da perdere con approfittatori e perditempo ne abbiamo sempre meno: francamente, non ne abbiamo più.

Possono commentare liberamente solo gli amici e sostenitori. I quali hanno accesso all'under-Blog ed ai contenuti più esclusivi, ricevono sempre risposta e hanno precedenza su tutti gli altri.

I messaggi contenenti link pubblicitari, o comunque non autorizzati, vengono eliminati da sistemi automatici.

J!cky 2.0